SDL Trados Studio 2017: le ultime novità

Pubblicato il Pubblicato in Tecnologia

La tecnologia è ormai un aspetto fondamentale nel mondo della traduzione. Intrawelt® è ovviamente consapevole ed è per questo motivo che tutte le nostre postazioni interne vengono costantemente aggiornate con le ultime versioni dei “ferri del mestiere”. A qualche mese di distanza dall’adozione di SDL Trados Studio 2017 e a poche settimane dall’upgrade all’ultima release, abbiamo fatto due chiacchiere con i nostri PM, Quality Manager e Proofreader per raccogliere qualche impressione sulle funzioni più recenti del nostro CAT tool di riferimento.
Vi lasciamo di seguito una veloce panoramica, sperando che vi sia di aiuto.

Filtro di visualizzazione avanzato (Advanced display filter): un nuovo e versatile strumento che amplia la gamma di possibilità di ricerca all’interno di una traduzione, filtrando i contenuti del testo in modo ancora più accurato (es. per tipo di segmento: cella, casella di testo, nota a piè di pagina, ecc.).

upLIFT Fragment Recall: utilizzando questa nuovissima funzione di Studio 2017 è possibile cercare in automatico parole o frasi all’interno di sottosegmenti già tradotti e presenti nella memoria di traduzione, risparmiando tempo nella ricerca delle concordanze e traducendo i nuovi segmenti più velocemente.

Microsoft Office embedded content: con la nuova versione di Studio 2017 è ora possibile contare sul supporto di file complessi con contenuti integrati esterni (embedded content) all’interno di Excel o altri formati (se disponibili e collegati correttamente), senza dover modificare manualmente i file sorgente in fase di impostazione del progetto. È uno strumento che ha sicuramente delle potenzialità ma va utilizzato con accortezza perché inserisce l’intero documento collegato (e non solo le parti eventualmente visualizzate nel file principale) e quindi il numero di segmenti (e quindi di parole da tradurre) spesso aumenta significativamente e va poi filtrato manualmente.

upLIFT Fuzzy Repair: questa funzione è stata presentata da SDL come punto di svolta per la produttività nella traduzione in grado di far raggiungere livelli di qualità sempre più elevata. Grazie al supporto di memorie di traduzione, termbase e traduzione automatica, upLIFT Fuzzy Repair permette di esaminare e modificare automaticamente i segmenti al fine di presentare un suggerimento di traduzione più preciso.

Quelle elencate sono solo alcune delle funzioni introdotte da SDL Trados Studio 2017, cui si aggiungono ovviamente gli aggiornamenti in termini di compatibilità con tutti i principali formati di file e l’ottimizzazione di quelli esistenti.

Nel mondo della traduzione utilizzare software allo stato dell’arte non è un vezzo ma un’esigenza dettata dal mercato: Intrawelt®, da sempre, è al passo con i tempi e l’utilizzo e la padronanza di software aggiornati è una discriminante in più anche nella selezione dei nostri traduttori.

Non restate indietro: passate anche voi alla nuovissima versione Studio 2017!